I vigili chiedono più sicurezza nel turno di notte



Dal 2000 al 2018 la Municipale è scesa da 92 unità a 60.

Le organizzazioni sindacali e la Rsu del Comune di Pistoia, che hanno proclamato lo sciopero di 24 ore del personale della Polizia Municipale dalle ore 7 di sabato 14 luglio, forniscono alcuni dati e informazioni per permettere ai cittadini di capire l'origine della protesta.

Quando nell’anno 2000 fu deciso, tramite un accordo sindacale, l'avvio del servizio 24 ore su 24, al Comando Polizia Municipale di Pistoia erano in forza 92 vigili urbani, scrivono i sindacati.

Oggi questo numero è sceso a 73, a cui vanno tolti i dipendenti che sono parzialmente inabili alla mansione e che pertanto non possono essere impiegati nel servizio esterno, ed arriviamo a 60.

Di questi, 8 lavoratori sono stati assunti di recente – continuano i sindacati - e per far sì che siano assegnabili a tutti i servizi del Comando sono necessari, in relazione a quanto disposto dalla normativa vigente in materia, alcuni mesi di formazione. Di fatto oggi per poter svolgere tutte le mansioni esterne previste per la Polizia Municipale di Pistoia gli effettivi sono solo 52. Da questo punto di vista abbiamo accolto con favore il piano assunzioni deliberato dalla Giunta nei mesi scorsi, che ha previsto l'ingresso di nuovi agenti e nuovi ispettori sia nel 2018 sia nel 2019, continuano i sindacati.

Quello che abbiamo più volte segnalato all'Amministrazione, è che con questi numeri il servizio notturno (da mezzanotte alle 7 del mattino), mantenuto per 7 giorni su 7, rende di fatto ingestibili sia i servizi diurni sia quelli notturni, evidenziano ancora.

I vigili – sottolineano i sindacati - stanno facendo il servizio 24 ore su 24 per tutti i giorni dell'anno da 18 anni consecutivi.

Non stanno protestando, concludono i sindacati, perché non vogliono più lavorare di notte, quanto perché vogliono continuare a farlo in sicurezza, con un carico di lavoro accettabile e con un organizzazione del lavoro che consenta di garantire ai cittadini i servizi istituzionali di competenza della Polizia Municipale.



Potrebbe interessarti anche

INCENDIO AVAGLIO. LE FIAMME MINACCIANO LE CASE


l’area interessata sarebbe abbastanza vasta e soprattutto le fiamme che hanno colpito dal primo pomeriggio la frazione di Avaglio, nel comune di Marliana, sono alimentate dal forte vento. L’incendio è scaturito da due punti diversi, in un’area disabitata nei pressi del ristorante Sonia, a pochi passi dal paese e sta risalendo la montagna lambendo diverse abitazioni; alcune abitate, altre adibite a seconde case, pertanto attualmente vuote. Secondo quanto riferito dal...

Continua  

Forte vento, al momento nessun danno rilevante. Allerta arancione fino alle 18, poi 'declassamento' a giallo


Nonostante il forte vento che ha sferzato la Toscana nella notte e nel corso della mattina, la Sala operativa unificata della Protezione civile regionale comunica che non sono state rilevate significative criticità. Sentiti tutti i centri situazioni intercomunali (Ce.Si) della Protezione civile, risultano soltanto eventi ritenuti ordinari nei casi di forte vento, come la caduta di alcuni alberi, la rottura di ramaglie o l'interruzione di alcune linee elettriche, al cui ripristino Enel...

Continua  

Incendio boschivo ad Avaglio, nel comune di Marliana


Incendio boschivo ad Avaglio nel comune di Marliana (Pt). Le fiamme si stanno sviluppando velocemente in una pineta a causa del forte vento. Sul posto stanno arrivando tre squadre del coordinamento volontariato toscano, due squadre di operai dell'Unione dei comuni Appennino Pistoiese e il direttore operazioni. In arrivo anche personale dei vigili del fuoco. Un elicottero del sistema dell'antincendio boschivo regionale è in avvicinamento, ma il suo intervento è messo in forse...

Continua  

Il Comune di Ponte Buggianese approva il bilancio 2019


Il consiglio comunale di Ponte Buggianese ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione 2019. Per l’amministrazione il budet approntato prevede che restino invariate le tariffe e ci sia una riduzione di spesa per la Tari con un taglio di 42mila euro rispetto all’anno passato. Per le utenze non domestiche il risparmio è stimato tra il 6 e l’11%. Sono confermati gli stanziamenti per il sociale ed è incrementata la quota per la Società della Salute.

Continua